Eventi e manifestazioni storiche

Cultura e tradizioni

Natale (Y Nadolig): è la festa più importante e coincide con il periodo della pausa invernale del lavoro: i contadini ponevano l'aratro in casa precisamente sotto il tavolo da cucina e veniva simbolicamente irrorato di birra.
L'antica tradizione prevedeva una messa nelle primissime ore del giorno: era la Plygain, cioè Inizio del Giorno.

Eisteddfod: è un'antichisimo Festival della Letteratura, della Musica e di altre performances come il ballo, il canto e la recitazione.
Si svolge ogni anno in una città diversa e tassativamente in lingua gallese. Già nel 1176 vi fu una prima sfida di Bardi, o poeti.
Una Società Nazionale di Eisteddfod venne fondata nel 1860 e da lì partirono due competizioni: uno per la 'Sedia' ed uno per la 'Corona'.

Nell'estate del 1947 è nato il Llangollen International Musical Eisteddfod

Cymanfa Ganu: si svolge in Agosto questo Festival degli Inni Sacri e si svolge interamente in lingua gallese. Si tratta di una manifestazione di grandi dimensioni, per la quale vengono allestiti centinaia di tende e padiglioni. Questo festival nacque grazie al Movimento di Temperanza che si sviluppò intorno alla metà del XIX secolo, il cui scopo era quello di ridurre l'alcolismo diffuso: le scarse condizioni igieniche avevano causato la scarsità di acqua potabile e così la popolazione beveva prevalentemente birra e liquori. Il Movimento di Temperanza diede vita ad un movimento corale, allo scopo di tenere le persone lontane dalle taverne, organizzò pertanto il giorno di Natale del 1837 un corteo di Temperanza aDowlais, a cui si aggiunsero gruppi corali delle città vicine.
Il successo di questo evento fu così notevole che si decise di ripeterlo ogni anno.


Noson Lawen (Merry Night): di antiche origini è questo festival nato per festeggiare l'abbondante raccolta di fieno per l'inverno, allo scopo di nutrire cavalli e buoi per tutto l'inverno.
Per l'occasione vengono recitati dei versi con accompagnamento dell'arpa,  si svolgono balli e si raccontano storie. Questa usanza di recitare e ballare caratterizzava sicuramente le lunghe notti invernali delle famiglie contadine; attualmente il Festival è ben articolato ed ha un suo Cerimoniere che presenta i partecipanti e le varie esibizioni.

 Nos Galan Gaeaf (All Hallow's Eve): il nome significa 'l'inizio del nuovo anno', in riferimento all'anno celtico. Si dice che durante questa notte gli spiriti trasmigrino altrove e pertanto è possibile vederli : due fantasmi famosi sono la Ladi wen (dama bianca) e Hwch ddu gwta (scrofa nera senza coda). Lungo i pendii delle colline prima dell'alba era solito accendere immensi falò che dovevano durare il più a lungo possibile: era un onore per i contadini avere la pelle ustionata pur di mantenere vivo il fuoco. Mele e patate venivano abbrustolite mentre i contadini ballavano o saltavano vicino in mezzo alle fiamme per avere la fortuna dalla loro parte. Ognuno poi gettava nel falò una propria pietra, che doveva poi ritrovare il giorno seguente una volta che le fiamme si erano spente: avrebbero così avuto grande fortuna per tutto l'anno seguente o al contrario se non l'avessero trovata, sarebbero stati perseguitati dalla malasorte.